Ceriscioli al China Day: “Una sfida del futuro per il Sistema Italia”

Condividi su Facebook
Un momento dell'incontro di Ceriscioli al China Day

Un momento dell’incontro di Ceriscioli al China Day

Perugia – “Avere un’azione congiunta e coordinata alle iniziative che ognuno di noi sta portando avanti verso la società, il mercato, i territori cinesi diventa strategico nell’ambito di una sfida più grande e irrinunciabile per il Sistema Italia. Attività che possono riguardare una dimensione ampia: dall’ambiente, alla promozione dell’agroalimentare, dalla cultura, al turismo, dalle nuove tecnologie, all’internazionalizzazione, all’Università. È però cruciale sempre di più, per sviluppare politiche efficaci per le nostre imprese, superare la frammentazione a tutti i livelli per condensare i rapporti che fino ad ora si sono consolidati, dentro linee collegate e condividere esperienze per mettere a frutto le relazioni di questi anni. Fondamentale sarà la collaborazione e di coordinamento tra le varie Regioni e territori italiani in questa azione di promozione. Se gli sforzi saranno collegati tra loro riusciremo a creare quel valore aggiunto nella nostre azioni che deriva dalla capacità dell’Italia di fare sistema. E su questo ci sarà l’impegno della Regione Marche ma anche dell’intera Conferenza delle Regioni”. Così il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, che questa mattina ha partecipato alla seconda edizione del China Day organizzata dalla regione Umbria insieme alla governatrice Catiuscia Marini che ha aperto, nel Salone d’onore di Palazzo Donini a Perugia, le due giornate dedicate al rapporto tra l’Umbria, l’Italia e la Cina che si concluderanno domani a Terni con una sessione interamente dedicata ai temi del turismo. A dimostrazione di come resti alta l’attenzione della regione verso la Cina il presidente, la prossima settimana, per rispondere agli inviti giunti in occasioni delle loro visite durante il periodo dell’Expo dei governatori dello Shandong e dello Hu Nan, sarà nella repubblica Popolare Cinese per una prima missione finalizzata alla programmazione delle attività da sviluppare nelle due provincie in particolare nei settori dell’economia, della cultura, della sanità e della formazione.

Comunicato stampa Regione Marche

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *